Scampo arrosto, radicchio, mandorle, olio e limone

Un piatto dai gusti distinti: lo scampo carnoso e completato dal sapore umami del sugo d’arrosto, l’amaro tostato del radicchio e nel finale la mandorla e il limone che non sono elementi predominanti, ma lasciano la bocca con la voglia di mangiarne ancora. La quinoa croccante dà una divertente masticabilità al tutto.

Per lo Scampo arrosto:

Decorticate uno scampo di pezzatura medio-grande. Scottatelo in una padella molto calda, ma solo da una parte (quella rosa diciamo), fino a farlo diventare ben tostato; irroratelo con un sugo d’arrosto cosi ottenuto:

1 cucchiaio di fondo bruno
1/2 cucchiaio di fondo d’anatra
una goccia di salsa di soia

Fate bollire insieme fino ad ottenere un liquido molto saporito, molto “umami”.

Per la salsa di mandorle:

50 g di mandorle tostate
130 g di acqua
20 g di latte intero
olio q.b
sale
qualche goccia di limone

Tostare le mandorle in forno e quando saranno fredde metterle a bagno nell’acqua e il latte per circa 2 ore.
Frullare con un frullatore ad immersione fino ad ottenere un latte di mandorle non troppo denso, emulsionare con olio ed i restanti ingredienti. Conservare in frigo (meglio se si ha il tempo di farlo riposare 24 ore).

Per il radicchio trevigiano tardivo

Prendete il cuore di un radicchio trevigiano, conditelo con olio sale e pepe e scottatelo in una pentola antiaderente fino a tostarlo con un filo d’olio d’oliva. Asciugatelo e conditelo con qualche goccia di soia e una macinata di pepe.

Per la quinoa croccante:

Lessate la quinoa in acqua. Una volta cotta stendetela su un foglio di carta forno ed essiccatela in forno a 60 gradi per 3-4 ore circa. Deve risultare ben asciutta.
Friggetela quindi in olio bollente; quando sarà diventata di colore marroncino, scolatela e salatela.
Ricorda vagamente il sapore dei pop corn di mais.

Per olio e limone:

100 g di succo di limone
20 g di zucchero
la buccia grattugiata di un limone

Unire tutti gli ingredienti e  ridurre della metà a fuoco basso in una padella. Aggiungere dei piccoli cubetti di limone ed olio e.v.o.

2017-06-29T11:06:35+00:00

6 Commenti

  1. Anonimo 16 novembre 2012 at 16:31- Rispondi

    C'è una varietà di scampo particolarmente adatta?

  2. Riccardo Benvenuti 17 novembre 2012 at 17:06- Rispondi

    Anonimo: lo scampo utilizzato è di provenienza scozzese, dal guscio chiaro e rosato, il gusto è molto delicato e la polpa è molto succosa e non troppo dolce.Viene pescato in una baia dai fondali simili al mar Mediterraneo.

  3. Fabrizio Laggiard 1 dicembre 2012 at 17:53- Rispondi

    Complimenti per il bellissimo blog. Se vuoi scoprire i dolci tipici piemontesi vieni a trovarci su http://www.dolcepiemonte.com . Scoprirai anche delle gustose idee per i tuoi regali di Natale.

    ciao

  4. Teodoro Caiulo 26 maggio 2016 at 17:50- Rispondi

    Un acquisto fatto bene ti premia nel tempo. Prova il pesto rosso. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NDQ1MDYwMiwxMDAwMDA1LHBlc3RvLXJvc3NvLmh0bWwsMjAxNjA2MjUsb2s=

  5. Raffaele Rochira 9 giugno 2016 at 15:08- Rispondi

    Se cerchi la qualità devi guardare nella giusta direzione. Prova il pesto rosso. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NTY1MDQ5MCwwMTAwMDA0OCxwZXN0by1yb3Nzby0xODBnLmh0bWwsMjAxNjA3MDksb2s=

  6. piero frisenda 14 giugno 2016 at 18:17- Rispondi

    Chi cerca trova… è vero!!! Ma vieni a cercare nel posto giusto. Scopri la salsa di pomodoro. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NjA5Mzc5OSwwMTAwMDAxMixzYWxzYS1kaS1wb21vZG9yby5odG1sLDIwMTYwNzE0LG9r

Scrivi un commento